Bell e Kavr dedica una nuova bontà al Santo Patrono: il manto di San Gennaro

Con la dovuta rispettosa attenzione nel rapportarsi a una realtà sacra, sono nate nel tempo varie bontà dolci e salate dedicate a San Gennaro, il Santo Patrono di Napoli, proposte che spesso trasportano simbolicamente caratteristiche con le quali San Gennaro viene raffigurato. E tra le idee golose che si legano alla tradizione di una festa che esprime tutta la devozione del popolo partenopeo per il Santo Patrono c’è anche la proposta del pizzaiolo Alessandro Borella: nasce il Manto di San Gennaro

Per tutta la settimana che fa da cornice al 19 settembre 2017 presso ‘Bell e Kavr’ in Pignasecca sarà possibile assaggiare una particolare e saporita bontà. Il Manto di San Gennaro è una pizza dalla forma conica a linee morbide con doppia base circolare, che ricorda appunto il manto indossato dal Santo Patrono poiché viene servito appoggiato sulla base più grande. L’impasto usato da Alessandro Borella gode di quarantotto ore di lievitazione ed è piacevolissimo alle labbra.

Dopo un primo giro nel forno, il Manto di San Gennaro viene riempito con datterino giallo, succo di datterino giallo stemperato con ricotta e mozzarella. La scelta del datterino giallo richiama il nome con il quale il popolo napoletano si rivolge affettuosamente al Santo Patrono, vale a dire Faccia Gialla. A cottura ultimata dopo il secondo passaggio è proposto con la punta verso l’alto, sulla quale si appoggia ricotta, datterini gialli, basilico e metà datterino rosso, quest’ultimo emblema del miracolo dello scioglimento del sangue di San Gennaro. 

The following two tabs change content below.
Giornalista napoletana impegnata soprattutto in cronaca ed enogastronomia, studentessa di archeologia, poetessa e scrittrice vincitrice di numerosi concorsi letterari, artista impegnata coi colori della pittura e nel catturare istanti di vita e di gusto con la sua macchina fotografica, ma anche appassionata di cucina, ricamo e dei lavori all'uncinetto.