Visita al Birrificio Ventitre per Gesualdo EXPone 2017

La birra fa VentiTRE’!

Il birrificio VentiTRE’ nasce più di due anni fa dalla creatività e dalla buona volontà di quattro giovani ragazzi, tutti under 35: Clementina, Guido, Jacopo e Jenni.

Le birre da loro prodotte, realmente artigianali, non subiscono filtraggio o pastorizzazione, sono realizzate solo con ingredienti di assoluta qualità e sono prodotte nel rispetto dell’ambiente, infatti il 100% del ciclo produttivo avviene utilizzando fonti energetiche naturali e rinnovabili e il fusto in cui viene spedita la birra è in PVC completamente riciclabile al 100% (uno dei pochi birrifici in Italia ad utilizzarlo, unico in Campania: la birra viene spinata direttamente dal fusto, non subisce processi di carbonazione e mantiene la sua fragranza originaria). Attualmente sono dei le birre griffate “VentriTRE’” in commercio: Amaranta, Esperia, Tamatea, Urania, Aura e Ambrosia. Ma non finisce qui! I quattro mastri birrai sono già all’opera per la creazione di due nuove birre: una ottenuta con mosto di birra e mosto di vino (in pari quantità) e una ottenuta con il grano Romanella… Se ne berranno delle buone!

 

VentiTRE’, perché?

23 litri è stato il volume della prima cotta.
23 è il numero civico del laboratorio di produzione.
23 luglio è la data di fondazione del birrificio.

Le birre

Prodotte a Grottaminarda, nella valle dell’Ufita, le birre del birrificio VentiTRE’ sono preparate con acqua delle sorgenti irpine, pregiate, abbondanti e stabili nel tempo.
• Amaranta (American IPA) – Il nome di questa birra – dal termine greco amarantos (che non sbiadisce) – ne fa intuire il carattere esuberante. E’ caratterizzata da un deciso dry-hop di luppoli americani, sentori fruttati ed esotici. L’amaro finale persiste chiedendone un altro sorso.
• Ambrosia (American Barley Wine) – L’Ambrosia, il cibo e la bevanda degli Dei… Una birra per le occasioni speciali, dall’alto contenuto alcolico, con aroma di luppoli floreali, arricchita dal gusto del miele, suo elemento essenziale. Come il vino, trae giovamento da un lungo invecchiamento.
• Aura (Strong Golden Ale) – Una birra bionda dal colore oro carico, potente al naso, ma fresca, caratterizzata da note di albicocca e frutta candita. Il bocca è equilibrata, con eleganti note fruttate, che si fondono con un sentore dolce e mieloso che maschera la sua generosa gradazione alcolica.
• Esperia (Witbier) – Gli antichi greci con il termine “Esperia” indicavano le terre ad Occidente, Italia compresa. Questa birra viene prodotta utilizzando frumento, seguendo in parte la tradizione medievale. L’aggiunta di coriandolo, arancia amara e luppolo le conferisce un sapore fruttato ed acidulo, molto rinfrescante.
• Tamatea (Nelson Sauvin Pale Ale) – Una birra che asce fuori da un pensiero romantico di un indigeno neozelandese dalla quale questa bevanda prende il nome. Un eroe Maori passato alla storia per un gesto che ha dato il nome a una collina. Il suo aroma rimanda, infatti, all’aria fresca delle verdi colline: fruttato e simile al Sauvignon Blanc.
• Urania (Oatmeal Stout) – Urania nella mitologia greca è la musa consacrata all’Astronomia. Il suo nome significa “Cielo”, ed è proprio al cielo notturno che il colore di questa birra rimanda. Caratterizzata da abbondante schiuma color cappuccino, chi la beve la deve sorseggiare lentamente per carpire i piacevoli sentori di cioccolato e caffè.

Costantino Esposito prof. dell'istituto Alberghiero Manlio Rossi-Doria di Avellino
Costantino Esposito prof. dell’istituto Alberghiero Manlio Rossi-Doria di Avellino

GLI ABBINAMENTI DELLA DEGUSTAZIONE

  • Pecorino Bagnolese (4 mesi stagionatura) – birra Esperia
  • Pancetta arrotolata maiale Irpino – birra Tamatea
  • Pasta fredda con scorza di limone e granella di nocciola – birra Aura
  • Capicollo Irpino stagionato in grotta – birra Amaranta
  • Caciocavallo di razza bruna alpina stagionato in grotta (32 mesi) – birra Ambrosia
  • Torrone morbido bianco – birra Urania

Il birrificio collabora con l’IPSSEOA Manlio Rossi Doria di Avellino.

Se hai gradito condividi con i tuoi amici e usa l’hashtag #campaniafoodporn

The following two tabs change content below.

Angelo Calzo

Consulente Marketing & Web Designer
Turista a "tempo pieno", sportivo ed amante delle "gite fuori porta". Nel tempo libero si rilassa immergendosi nel verde. Ama scoprire nuovi sapori in giro per la Regione Campania. Prodotto tipico preferito La Mozzarella di Bufala. I suoi piatti la Calamarata accompagnata dal Greco di Tufo D.O.C.G. e la Tomacella.